Claudio Serrapica – Di solito così non si fa

Senza Titolo, Senza data, anni 70

Claudio Serrapica

Di solito così non si fa

A cura di Paolo Frascaroli, Stefano W. Pasquini e Stefano Stagni

Lo Studio Cloud 4 è lieto di presentare una nuova mostra personale del fotografo Claudio Serrapica (1940-1994) a vent’anni dalla sua scomparsa. Nato a Napoli nel 1940, si sposta a Bologna nei primi anni ’60 per diventare un testimone importante di performance di artisti quali Marina Abramovic e Ulay, Fabio Mauri, Pier Paolo Calzolari, Hermann Nitsch ed aprire uno studio fotografico che vede l’apice del suo successo negli anni ’80.

La scelta delle immagini in mostra, operata dai compagni di avventura di Claudio, questa volta è arbitrariamente incentrata sulla parte più erotica e surreale della ricerca di Serrapica. Mentre il suo lavoro commerciale procedeva con successo, Claudio non poteva evitare di scattare foto “a lato”, spesso coinvolgendo le persone attorno agli shooting. Da qui il titolo della mostra, con opere che rivelano il suo stato d’animo più intimo, emozionando lo spettatore, e facendoci rivivere le atmosfere ormai esotiche dell’Italia degli anni ’70.

La mostra contiene una ventina di scatti, alcuni dei quali originali, altri ristampati coi procedimenti analogici del tempo dai colleghi dello studio fotografico per conservare l’atmosfera originale dell’epoca.

Opening venerdì 16 gennaio 2015 ore 18.30

dal 16 gennaio al 20 marzo 2015

aperto su appuntamento 051-19986982

partners:

partners

Comune

Claudio-Serrapica,-ST,-SD-(anni-70)---ritratto Claudio-Serrapica,-ST,-SD-(anni-70)--sdraiata Claudio-Serrapica,-ST,-SD-(anni-70)sorride Claudio-Serrapica,-ST,-SD-(anni-70)---doppia-esposizione Claudio-Serrapica,-ST,-SD-(anni-70)---donna

Advertisements

Tags: , ,

About Stefano W. Pasquini

Artist, curator and writer, Stefano W. Pasquini (b. 1969, Bologna, Italy) has exhibited in prestigious venues such as, among many others, the ICA and the National Portrait Gallery in London, Art in General (New York), MAMbo (Bologna), Newhouse Center for Contemporary Art (Staten Island, NY) and MACRO (Rome). He published over 500 articles on contemporary art for magazines such as New York Arts, Collezioni Edge, Sport & Street, Luxos and many more. He authored the books Accidental // Coincidental (Newhouse, New York, 2008), Incorporeo (with Maria Teresa Roberto), Albertina Press, Turin, 2015, ELIA – ARTISTA, Apogeo, Adria, 2016, I margini del conflitto (with Simeone Crispino and Maria Teresa Roberto), Albertina Press, Turin, 2017. From 2013 to 2016 he was head curator of Studio Cloud 4 gallery in Bologna. He is editor of the magazine Obsolete Shit, and conducts Coxo Spaziale together with Fedra Boscaro, a programme on art and theatre on Radio Città Fujiko. He teaches “Special Graphic Techniques” at the Albertina Academy of Fine Arts of Turin.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: